Tags

Related Posts

Share This

Il mio tributo alla bandiera più bella del mondo

  C’è qualcosa di magico nell’ Union Jack. Un brivido che senti quando vedi l’aereo della British Airways che ti porterà a Londra e un brivido che si rinnova quando l’aereo atterra oltremanica. Le note di “God save the Queen” sono la colonna sonora ideale. E poi c’è, lei, la perfida Albione. C’è Londra, il primo amore. C’è Liverpool, la patria dei Beatles e dei Campioni d’Europa. Ci sono Oxford e Cambridge. C’è il Tamigi a raccoglierne le sfide. Ci sono stati Disraeli, Churchill e Margareth Tatcher. C’è Tony Blair. Ci saranno Gordon Brown e David Cameron. Poi c’è il football e il rugby. Gerrard e Wilkinson,con lo stesso sguardo fiero di chi si sente un “lion”. C’è tutto questo in quella bandiera: l’orgoglio di un passato splendido, la fiducia in un futuro migliore. Questo blog cambia radicalmente stile, perchè si sente British e non vuole nasconderlo. Perchè sogna un futuro all’ombra dell’ammiraglio Nelson.