Tags

Related Posts

Share This

E arrivarono i sindacati “sensibili”

Strepitosa la nota rilasciata dai sindacati all’Ansa:

ROMA, 19 mag – E’ stato differito ad altra data lo sciopero previsto per il 23 maggio dei piloti dell’Alitalia. Lo hanno deciso i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Unione Piloti, convocati oggi al ministero dei Trasporti.’A seguito della convocazione e quale atto di responsabilita’ e sensibilita’ nei confronti del nuovo governo e del nuovo ministro’, si legge in una nota, i sindacati hanno deciso il differimento della protesta.

Sono bastati quattro giorni di governo Prodi per risolvere, d’un sol colpo, tutti i problemi che Alitalia si portava dietro da tempo. Improvvisamente le esigenze inderogabili di scioperare per ottenere diritti sono state derubricate a strategia politica. Ora è tutto scandalosamente chiaro. Siccome il governo è cambiato possono scendere dalle barricate e smetterla di far casino per ogni cosa che succede. Bello,davvero. Bello e desolante. Bello perchè non ci danno nemmeno il tempo di iniziare a fare opposizione che già si palesano per quello che sono; desolante perchè è davvero da mani nei capelli la situazione delle relazioni industriali in questo sciagurato paese. Attendiamo con ansia manifestazioni unitarie anti-governative, dimostrazioni di forza, adunate oceaniche e tutto il resto. Ma avremo solo banchetti loculliani a cui si siederanno, tutti assieme, governo e rappresentanti sindacali. Non più padroni e operai, non più parti in conflitto. No. Attori della medesima operetta. Attori pagati bene: col ministero del Welfare affidato a un sindacalista Fiom e a un rifondarolo, la presidenza delle due camere a due ex sindacalisti e tanto altro ancora da spartire nel sottobosco governativo di questa sceneggiata. Uno spettacolo da repubblica popolare, quella in cui ci stanno gettando, con la scusa della concertazione e della sensibilità. Dote,questa,che nel quinquennio 2001-2006,evidentemente, si erano dimenticati di avere. Grazie a SchwarzKopf per la segnalazione.