Tags

Related Posts

Share This

Semplicemente Italia

  Avessero perso contro la quotatissima Slovenia, nessuno avrebbe storto il naso. L’italbasket era venuta qui,in un girone difficile, senza sapere con certezza cosa avrebbe potuto portare a casa. Invece dopo l’ottima prova contro i cinesi, è arrivata la conferma contro gli sloveni. Gara subito in salita, con un parziale 0-8 da far tremare i polsi e tre contropiedi micidiali ammazza-morale. Ma questa squadra ha qualcosa di speciale, quando sembra con le spalle al muro tira fuori gli artigli e rinasce. Cade sette volte e si rialza otto, la nazionale di coach Charlie. E così è toccato a un Bellinelli in formato NBA (26 punti) guidare la rimonta azzurra,fino al sorpasso finale, a meno di un minuto dalla fine. Per chi non avesse visto la cavalcata del quintetto tricolore, a quel punto i nostri eroi avevano subito un parziale di 13-2 e sembravano sull’orlo del burrone. Eravamo in quelle fasi in cui non segneresti nemmeno con una pallina da ping-pong in una vasca da bagno. Ma questa è una grande squadra,ha tirato fuori il cuore in difesa e il cervello in attacco e ha  portato a casa un partita che sembrva persa due volte. Tra due giorni,col Senegal, la possibilità di guadagnarsi la matematica qualificazione agli ottavi e andare a in passerella contro gli States. Per chi non se ne fosse accorto, questa nazionale di operai sta dimostrando di avere una classe infinita. Lo dicano i signori della carta stampata che definivano questo gruppo “poco talentuoso”. Astenersi perditempo, specie se analisti sportivi.