Tags

Related Posts

Share This

A Lucky Man

Di Gordon Brown dicono sia come Romano Prodi. Noioso, impacciato, mal sopportato dai suoi stessi alleati. E molto fortunato. Precipitato in una crisi che più nera non si può grazie alla sua incapacità a fare qualsiasi cosa non sia stare vicino a Tony Blair, il giovane David Cameron era riuscito perfino ad infliggergli un umiliante meno 20 nei sondaggi che lasciava presagire una dinastia Tory all’orizzonte. Ma Gordon, come si diceva, è un uomo fortunato. Tutti potevano immaginare una crisi finanziaria (almeno a posteriori). Nessuno avrebbe mai immaginato che questa crisi avrebbe avuto per lui (ministro delle Finanze del Governo Blair e uomo vicinissimo alla City) l’effetto benefico di un tonico ringiovanente. Ha recuperato dieci punti nei sondaggi in poche settimane e si è portato a meno otto dai rivali conservatori. Un margine comunque ampio ma certo diverso dal baratro di un mese fa.