Tags

Related Posts

Share This

Cristofori Colombi

Fa piacere (e molto) vedere che ci sono milioni di Italiani che scoprono, oltreoceano, l’esistenza di una poderosa democrazia. Capace di rinnovare le sue leadership, di cambiare presidenti e maggioranze congressuali e di rimanere sempre uguale a sè stessa quando rinnova la sua promessa. Una promessa fatta di libertà, di ricerca della felicità, di sogni e di speranze. Sogni e speranze che hanno le sembianze di un 48enne senatore nero dell’Illinois. Ma che potrebbero avere il viso segnato dall’età di un reduce del Vietnam, e non cambierebbe assolutamente nulla. Dietro lo sguardo e i modi da rockstar di Barack Hussein Obama ci sta l’America profonda e mai capita fino in fondo. Quella in grado di alzarsi dopo due torri buttate giù a colpi di aereoplano, quella in grado di confermare un presidente come George Bush contro le previsioni (e i desiderata) del resto del mondo, quella capace di fare guerre in ogni parte del pianeta e di lasciare in eredità parlamenti e libere elezioni. Quella stessa America che i novelli Cristoforo Colombo scoprono soltanto oggi, magari dopo aver ammiccato a chi brucia in piazza le bandiere a stelle e strisce. Quella stessa America che cinquant’anni fa ha sacrificato centinaia di migliaia dei suoi figli per dare a questi signori la possibilità e il gusto di provare l’ebbrezza di disprezzarla. Per essere sempre così dannatamente speciale, oggi come ieri: grazie.