Elettoralia

Tra appelli, divisioni, difese ad oltranza ed eccesso di legittima difesa, riparte il tormentone post-estivo italiano. Più puntuale di un Festival di Sanremo o del fu Festivalbar, gli editoriali più importanti dei giornali più importanti ricominciano a parlare di legge elettorale. La mia posizione è arcinota: o uninominale con primarie per legge, o questo sistema con primarie obbligatorie. Il centro è la selezione dei candidati. Perché in Italia l’uninominale sul modello americano si trasformerebbe in una folle corsa ai seggi sicuri dove piazzare big, amici, amici degli amici.