L’onda lunga del GOP

E’ stata una lunga notte, ma il dato politico delle elezioni americane di mid-term si è ormai stabilizzato. Il GOP conquista, oltre ogni aspettativa, la Camera (superando abbondantemente il “numero magico” di 39 pick-up). E riduce sensibilmente la maggioranza democratica al Senato (che veniva rinnovato soltanto per un terzo). Arriverà nel 2012, per i repubblicani, il momento di imporsi anche alla camera alta, quando si troverà ad affrontare una stuttura “geografica” della sfida molto più favorevole. E quando lancerà la sua sfida definitiva al presidente Obama, che si ritrova ad affrontare gli ultimi due anni del suo (primo?) mandato privato di quella straordinaria maggioranza che lo aveva accolto alla Casa Bianca nel 2008. Fallito il (falso) appello alla bipartisanhip, Obama dovrà scegliere se ripercorrere le “triangolazioni centriste” di Clinton o se bere fino in fondo il calice di una presidenza estremista che gli americani hanno dimostrato, almeno finora, di non gradire