Obamaland

Brutta sorpresa per l’economia americana a novembre: il tasso di disoccupazione torna a crescere: oggi è al 9,8% rispetto al 9,6% di ottobre. Gli analisti prevedevano un tasso stabile e l’aggiunta di almeno 150mila posti di lavoro (rispetto ai 179mila dello scorso mese). Il nonfarm payroll employment, invece, è cresciuto di appena 39mila unità. L’inaspettato rallentamento, secondo il Washington Post, suggerisce che “potrebbe essere necessario aspettare più di un anno perché il tasso di disoccupazione torni a livelli relativamente normali”. E’ la stessa previsione che i mainstream media facevano esattamente un anno fa. Intanto 15 milioni di americani sono senza lavoro. Benvenuti a Obamaland.

 

Obamaland