The Right Music/2

Questa volta la seconda puntata di The Right Music tocca a me. Chiuso in casa ammalato per sette-giorni-sette mi sono sparato una discreta quantità di musica adatta a questa rubrichetta. Tolti i pezzi usciti prima del 2010 ed evitando il nuovismo spinto, ho selezionato tre tracce buone per l’inverno e ottimo “gancio” per conoscere gli artisti che ci stanno dietro.

 

SHE AND HIM – LINGERING STILL ( lyrics)

Iniziamo da Zooey Deschanel and M. Ward, duo americano conosciutosi per caso e capace di mettere in piedi una band indie folk di tutto rispetto. La scintilla artistica tra i due scocca sul set di The Go-Getter, film in cui recita Zooey Deschanel e che segna anche il debutto inconscio di quelli che saranno i futuri She&Him. A Zooey e Ward, infatti, spetta il compito di duettare mentre scorrono i titoli di coda del film. L’esperimento riesce e mentre un film si chiude, un’altra sceneggiatura (la loro) è pronta per essere scritta. Si scambiamo contatti e partiture musicali e scoprono un’incredibile compatibilità artistica. Il risultato più evidente è il loro primo album “Volume One”, titolo volutamente minimal per (dicono loro) “lasciare tutto lo spazio e il palcoscenico alla musica”. La genesi del primo lavoro è un parto lungo: Zooey continua a fare l’attrice e incide nei ritagli di tempo, Ward continua a fare il cantante e si occupa del nuovo duo quando può. Dopo due anni di lavoro, nel 2008, l’album vede la luce ed è una piacevole sorpresa. Così ben riuscita da diventare la pietra di paragone della loro seconda fatica: Volume Two, da dove abbiamo pescato questa dolcissima Lingering Still.

Piccola curiosità: Zooey Deschanel non è nuova a questi exploit. Ha recitato come attrice protagonista nella pellicola di Mark Webb “(500) Days of Summer”, nota in Italia come 500 giorni insieme e dove Zoey interpreta Sugar Town.

 

ELIZABETH AND THE CATAPULT – YOU AND ME (lyrics)

Il secondo video è di una band indie-pop di Brooklin, gli Elizabeth and the Catapult, che forse una piccola parte del grande pubblico avrà sentito nominare per il loro Taller Children, album del 2009 con cui si sono fatti conoscere anche dalle principali radio non-indie.

Leader e voce del gruppo è Elizabeth Ziman, piccola promessa del pianoforte classico, poi convertitasi sulla via dell’indie pop. Il loro primo EP “Elizabeth & The Catapult” prodotto nel 2006, diventerà anche il nome del gruppo, con la voce di Elizabeth come costante marchio di fabbrica. Anche questo singolo esalta la raffinatezza di alcune armonie e alcuni accostamenti surreali. Dal punto di vista musicale convivono, infatti, note di jazz, pop e funk, mentre il racconto è una sorta di storia d’amore del terzo tipo tra una ragazza e un alieno. Difficile capire se il novello ET sia la trasposizione di una storia finita (e per questo “aliena”) o di un’esperienza tanto nuova quanto diversa.

 

FRANCESCO SANTOCONO – ’81 (lyrics)

Ok, lo ammetto: segnalazione atipica. Si tratta di una cover di una canzone di Joanna Newsom, arpista e cantautrice statunitense. Ma è una cover, per me, ancor più bella della versione originale. Di questo Francesco Santocono so poco o nulla, se non che gira ultimamente in qualche radio indie con questa riuscita rivisitazione della versione originale di Joanna. All’atmosfera fantasy dell’arpa si sostituisce quella più pop della chitarra classica. Il singolo fa parte di Versions of Joanna, album con diverse, suggestive cover di canzoni della Newsom. Sulla scelta ha influito molto il titolo: ’81 è, infatti, l’anno in cui il sottoscritto ha visto la luce.