Agenda Bagnasco

Siccome ognuno interpreta il discorso di Bagnasco un po’ come gli pare, io ci terrei a dire che lo condivido. Tutto. Dalla “questione morale” che riguarda evidentemente Berlusconi e i suoi comportamenti privati, ai metodi di indagine e di divulgazione degli stessi. E’ la lettura corretta: c’è un problema nei comportamenti di Berlusconi (che sono privati ma assumono una dimensione pubblica incomprimibile) e c’è una distorsione evidente nell’uso delle intercettazioni e nella loro divulgazione.

La partigianeria politica ha impedito a tutti di guardare con spirito critico a questa condizione che richiama nei modi e nei tempi la genesi di Tangentopoli. Un sistema politico corrotto e deviato e un sistema giudiziario che spinto dalla piazza si è lanciato ben oltre il proprio mandato e i propri compiti.