Tocca alla Florida

Domani tocca alla Florida. E stavolta si fa sul serio. La durissima sfida per le primarie del partito repubblicano arriva a uno snodo cruciale, proprio in quel Sunshine State che negli ultimi anni ha sempre rappresentato un solido indicatore elettorale per le fortune del GOP. Nel 2000, regalando un’inaspettata vittoria ad un George W. Bush che partiva sfavorito nei confronti del vicepresidente Al Gore. Nel 2004, certificando quella superiorità nazionale nei confronti dei democratici che molti analisti (soprattutto al di qua dell’Oceano) fingevano di ignorare. Nel 2008, prima preferendo John McCain a Mitt Romney alle primarie e poi scegliendo Barack Obama per la Casa Bianca.

(continua su Notapolitica.it)