Tricolore Rosso

Sarà Valentina Vezzali la portabandiera italiana alle Olimpiadi di Londra. La schermitrice nella sua carriera ha collezionato cinque ori olimpici, una medaglia d’argento e una di bronzo dai Giochi di Atlanta 1996 a quelli di Pechino 2008. A 38 anni ci riprova. Ma pur avendo la carte in regola perché le venga affidata l’onorevole compito, la scelta della Vezzali non piace a tutti. Perché? Vediamo.

L’altra candidata valutata come favorita era Josefa Idem, canoista classe 1964 che ha partecipato alle Olimpiadi rappresentando sia l’allora Germania dell’Ovest sia i colori azzurri e collezionando in tutto una medaglia d’oro, due d’argento e due di bronzo. La giunonica Josefa vive dalle parti di Ravenna e per due volte è stata assessore allo Sport nella città romagnola, oltre che responsabile del Partito democratico emiliano allo Sport. La bandiera italiana doveva portarlo lei – dicono – alla cerimonia d’inaugurazione di Londra, senza alcun dubbio. La Vezzali d’altronde si è macchiata di un peccato imperdonabile: essersi rivolta a Silvio Berlusconi, durante una puntata di Porta a porta, invitandolo ad un paio di stoccate assieme. Non l’hanno ancora epurata?