Terzi Non datur

Va molto di moda a queste latitudini magnificare le doti taumaturgiche delle dimissioni di tutti quelli a cui viene contestato qualcosa. E per rafforzare il concetto si iniziano a citare casi di inglesi, tedeschi, americani. Gente che si è dimessa non appena è stata sfiorata da un’inchiesta o non appena si è accertato che avevano pagato la colf in nero per risparmiare mille sterline di contributi.

Ai tempi di Berlusconi, poi, i giornali erano pieni di pagine su queste cose e si sprecavano gli editoriali che spiegavano perché la credibilità di un paese si misura anche da un Saverio Romano che, indagato, molla tutto, infila la testa nella cenere che neanche uno struzzo e accetta l’idea che si possa pagare come colpevoli anche se colpevoli ancora non si è.

Bene: adesso che il governo di quelli-che-non-si-dimettono-anche-se-indagati non c’è più sappiate che Saverio Romano è stato assolto e che per una cosa come questa, in Inghilterra o negli Stati Uniti, ci si dimette subito.