US Sports Round-Up

Parte da questa settimana un mio personale progetto in linea con il rinnovamento concordato con gli amici bloggers di RightNation: cercherò sinteticamente di fotografare una panoramica sulle maggiori leghe pro a stelle e strisce unendo cronaca, commenti, pronostici e qualche aneddoto. Sperando di fare cosa gradita, sono comunque aperto a qualsiasi contributo avrete voglia e bontà di suggerirmi..
Esaurite le premesse, let’s go!

Con la NBA che sta scaldando i motori con il tour di alcune sue squadre in giro per l’Europa e la NHL bloccata sull’ennesima serrata dei proprietari, a farla da padrone nel panorama sportivo pro statunitense sono in questi giorni i playoffs MLB e , ovviamente, la Regular Season NFL.

La MLB è entrata nella fase caldissima della stagione: le due semifinali di AL (al meglio delle 5 partite) vedono di fronte i ”soliti” NY Yankees e i giovani Baltimore Orioles da una parte e i Detroit Tigers opposti agli Oakland Athletics dall’altra; pur con tutta la simpatia verso gli O’s e gli A’s credo che a giocarsi il Pennant saranno gli Yankees e i Tigers, con un leggero vantaggio per New York nel pronostico per le World Series.

Nelle semifinali della National League si stanno sfidando i campioni in carica dei St. Louis Cardinals contro i sorprendenti Washington Nationals da una parte, mentre i Cincinnati Reds se la stanno vedendo con i San Francisco Giants. Entrambe le serie appaiono molto incerte, ma punto il mio penny su una finale Cincinnati-Washington, con i capitolini miei prescelti per l’approdo alle World Series.

Anche se difficilmente ciò accadrà, romanticamente mi piace pensare ad una ipotetica sfida per il titolo tra San Francisco e Oakland, un derby della Baia che replicherebbe in quanto a fascino e suggestione le famose “Subway Series” (chiamate così perchè i due stadi sono collegati dalla stessa linea della metropolitana) del 2000 tra le due squadre di New York, i Mets e gli Yankees, con questi ultimi che divennero poi i Campioni.

Riponendo mazza e guantone e passando alla palla ovale, la NFL ha archiviato la settimana N.5: in copertina abbiamo Tom Brady che con i suoi Patriots vince la sfida contro Peyton Manning e i Denver Broncos nel più classico duello tra i più dominanti QB dell’ultima decade. Registriamo con piacere l’ennesima vittoria dei sorprendenti Houston Texans, oramai veri contenders a livello di titolo e la W al cardiopalma degli Steelers su Philadelphia nel derby della Pennsylvania.
Degne di nota le larghe vittorie di San Francisco, Chicago e Minnesota, mentre non stupiscono più di tanto le affermazioni di Atlanta (unica squadra imbattuta insieme a Houston) e Baltimore, rispettivamente su Washington e Kansas City.

Salutiamo infine la prima W di Drew Brees e dei suoi New Orleans Saints contro i tosti San Diego Chargers: il QB giallo-oro stabilisce un nuovo record riuscendo per la 48a volta(!) consecutiva a mettere a segno almeno un TD pass (la squadra segna con uno schema che prevede un lancio del QB). Per farvi capire l’impresa, questo era un record che durava da 52 anni.

Per concludere, il premio “catch of the day” va a Reggie Wayne degli Indianapolis Colts, per la sua incredibile ricezione a una mano nella vittoria contro i finora deludenti Green Bay Packers.