Operation 2016: Target Acquired

walker2016Le elezioni presidenziali del 2016 sono ancora lontane, ma Democratici e mainstream media sono già all’opera per sbarazzarsi – manu militari – di qualsiasi potenziale avversario di Hillary Rodham Clinton. Dopo aver praticamente fatto fuori il governatore del New Jersey, Chris Christie, che fino a qualche mese fa dominava il campo dei potenziali sfidanti repubblicani all’ex First Lady (che da parte sua non sembra avere competitor seri per le primarie del suo partito), i pennivendoli che ci hanno regalato questo doppio splendido mandato obamiano sono partiti alla caccia di uno dei pochi esponenti del GOP che sembra in grado di unificare l’establishment e la base del Partito repubblicano: il governatore del Wisconsin, Scott Walker.

Il problema, per Dems e msm, è che le ultime, sensazionali rivelazioni su Walker – strombazzate con risalto dalla stampa locale come da quella nazionale –  sono in realtà rimasticature di un’inchiesta che risale al 2010, che è già stata utilizzata (senza successo) dagli avversari del governatore in due campagne elettorali e nella quale – soprattutto – Walker non è mai stato accusato di NIENTE. Se volete fare un favore a voi stessi e alla vostra intelligenza, evitate la spazzatura mainstream e limitatevi a conoscere i fatti. Se poi siete – per vostra sfortuna – simpatizzanti democratici, semplicemente non fatevi troppe illusioni. Piuttosto, chiedetevi il perché di tutta questa ansia da prestazione.