Progresso

abortionScrivere sull’aborto, senza cadere nella trappola delle semplificazioni e del “muro contro muro”, è sempre un’operazione difficilissima. Ma tutto quello che riesco a esprimere – dopo aver letto questo articolo di Cosmopolitan e visto questo video su YouTube – è una sensazione opprimente di sgomento. Dal filmino delle vacanze al “selfie” sul proprio aborto. È questo il progresso?

Scrive Wesley J. Smith sulla National Review:

Ah. good times. Becoming irresponsibly pregnant and then having a birth-like experience of destroying a fetus–complete with pictures!

Her bottom line message: “I am grateful that I can share my story and inspire other women to stop the guilt”.

But you know, sometimes guilt is healthy. Sometimes there’s a reason conscience knocks on our door. Sometimes it’s the first step toward gaining wisdom. And forgiveness. Because some things are just wrong.