GP di Roma

romab

Una corsa di avvicinamento al Grand Prix di Roma si è svolta, nei giorni scorsi, all’Ippodromo di Spinòl. E stavolta, oltre alla prima manche, si sono svolte anche due simulazioni di GP di Ballottage: una tra il primo e il secondo classificato, una tra il primo e il terzo. Così, per sport, tanto per vedere se cambiava qualcosa.

Ma andiamo in ordine. Nella gara della mattina, i quattro cavalli accreditati dei tempi migliori si sono dati battaglia fin dal primo giro, con una giostra di sorpassi e controsorpassi che ha appassionato gli spettatori che affollavano le tribune dell’ippodromo. Alla fine, non senza qualche difficoltà, l’ha spuntata la pentastellata Igor Rayon, che ha chiusto in 27″ battendo proprio sul rettilineo finale un gagliardo Fan Petit Vest. Il cavallo della scuderia Fan Idòle ha cercato la vittoria con insistenza, ma alla fine si è dovuto accontentare della seconda piazza, ottenuta con un ottimo 25,5″. Un secondo posto che gli ha dato comunque l’accesso alla seconda manche del pomeriggio.

Alle spalle dei due battistrada, il derby tra le scuderie della ex Maison Liberté per conquistare il gradino più basso del podio e, in via del tutto eccezionale, il pass per la terza manche che si è svolta in serata. Tra i due contendenti, l’ha avuta vinta Melòn Tricolòr che, con il suo 21,5″, non solo conserva ancora qualche residua speranza di raggiungere il secondo posto al GP Municipal di domenica, ma si è tolta anche la soddisfazione di staccare nettamente Marquiènne che, apparso un po’ affaticato, ha chiuso il miglio in 16″. Quinta posizione per General Faiusceau, che ha fermato il cronometro sui 6″ netti, lontano dalla forma dei giorni migliori.

Scremato il campo dei contendenti, dopo la pausa di pranzo si sono svolte le due manche di spareggio in vista del GP du Ballottage del 19 giugno. Nel primo dei due spareggi, quello ufficiale tra Igor Rayon Fan Petit Vest, si è in pratica assistito ad una replica della gara della scorsa settimana, con Fan Petit Vest molto affaticato e mai in grado di impensierire Igor Rayon. Alla fine la puledra pentastellata ha chiuso in 58,5″, con 17 lunghezze di vantaggio sul cavallo di Fan Idòle. Un massacro.

Molto più combattuta la terza manche, puramente ipotetica, tra Igor Rayon e Melòn Tricolòr. In questa sfida tutta al femminile, infatti, la cavalla dei Frerés Tricolòr (appoggiata anche dai sostenitori della scuderia nordica Groom de Bootz) è partita subito all’attacco, cercando di sfruttare la prevedibile stanchezza della puledra pentastellata, reduce da due gare ravvicinate. E alla fine questa strategia aggressiva è risultata vincente, perché dopo un appassionante testa a testa Melòn Tricolòr ha piazzato lo spunto vincente proprio sul rettilineo d’arrivo, tagliando il traguardo in 52″ e staccando di quattro lunghezze, tra lo stupore del pubblico e degli allibratori, un’incredula Igor Rayon.

Con questa maiuscola prestazione Melòn Tricolòr, in vista della gara ufficiale del 5 giugno, spera di convincere i tifosidi Marquiènne a puntare su di lei già durante la prima manche del GP Municipal. Potrebbe essere l’unica possibilità per portare un cavallo ex Varenne allo spareggio. E, magari, per sognare la vittoria finale.

ORDINE D’ARRIVO
Igor Rayon 27″
Fan Petit Vest 25,5″
Melòn Tricolòr 21,5
Marquiènne 16″
General Faisceau 6″

SECONDA MANCHE
Igor Rayon 58,5″
Fan Petit Vest 41,5″

TERZA MANCHE
Melòn Tricolòr 52″
Igor Rayon 48″