GP di Roma

02

Corsa appassionante quella che si è tenuta qualche giorno fa all’Ippodromo di San Walter Giuliano: disturbati da una bora sempre più fastidiosa i cinque cavalli principali che si sfideranno nel Grand Prix di Roma  hanno regalato agli spettatori uno spettacolo senza precedenti. Le distanza tra i battistrada sembrano ridursi e l’esito scontato della seconda manche pare essere messo in discussione.

Veniamo alla gara. Nella prima manche della sfida la pentastellata Igor Rayon ha tenuto la testa della corsa per tutto il miglio, chiudendo sul rettilineo finale con uno spunto davvero imperioso e fermando il cronometro a 29″ netti. Dietro di lei si aggiudica la seconda piazza Fan Petit Vest: il purosangue della scuderia Fan Idole chiude il suo giro in 26″ e distanzia di quattro secondi  Melòn Tricolòr: la giovane cavalla, già astro nascente della scuderia Varenne, chiude in 22″ dimostrando di essere assolutamente in gara e facendo segnare, cosa molto importante, prestazioni sempre crescenti nelle ultime rilevazioni.

Niente da fare, invece, oer Marquiènne che chiude la sua gara in 17″, molto lontano dal tempo utile alla qualificazione al secondo turno. Deludente, infine, la prova di General Faisceau (solo 3″ per lui), che nonostante qualche buona prova nelle corse infrasettimanali pare essere arrivato stanco al weekend decisivo.

Anche lo spareggio che si è corso poche ore dopo ha lasciato tutti con il fiato sospeso fino all’ultimo. Fan Petit Vest è partito subito forte, rimanendo testa a testa con Igor Rayon per quasi tutta la gara. La purosangue di Igor Brick ha avuto ragione dell’avversario solo sul rettilineo finale dove il suo allungo è stato decisivo: è finita con  Igor Rayon prima a 52″ e Petit Vest secondo a 48″. Ma è un risultato che lascia aperta più di qualche speranza alla scuderia Fan Idole.

ORDINE D’ARRIVO
Igor Rayon 29″
Fan Petit Vest 26″
Melòn Tricolòr 22″
Marquiènne 17″
General Faisceau 3″

SECONDA MANCHE
Igor Rayon 52″
Fan Petit Vest 48″