Corse Clandestine: Ippodromo Meneghino

gp2a

Si corre, finalmente, all’Ippodromo Meneghino. La storica pista milanese particolarmente favorevole a Varenne apre i cancelli e permette a 1500 tra spettatori e curiosi di assistere alla consueta gara di avvicinamento al GP de la Constitution. Trattandosi di un tracciato particolarmente complesso e che in più di qualche occasione ha regalato importanti sorprese, la tribuna stampa è gremita in ogni ordine di posto. Il tracciato, in particolare, è utile per misurare gli umori del simpatico fantino brianzolo Burlesque e l’apporto che la sua scuderia riuscirà a dare alla performance finale di Assemblage Hétéroclite.

Dopo alcune prove opache di cui vi abbiamo raccontato ieri, c’è da dire che il purosangue bastian contrario – sostenuto dalle scuderie Groom de Bootz, Varenne, Frères Tricolòr, Société Genérélle de l’Energie, Gauche Passé, Igor Brick e dagli oppositori interni di Fan Idòle – parte subito forte e guadagna parecchi secondo di vantaggio già nel primo giro. Truie Blessée (sostenuto dai fedelissimi di Fan Faròn in Fan Idòle, Ipson de le Scipiòn e Petit Vert) è sembrato invece molto stanco e, complice una pista non particolarmente favorevole, è apparso nervoso e rinunciatario.

Il cronometro non lascia spazio a dubbi: Assemblage Hétéroclite ritrova smalto e forma dei primi giorni di corse clandestine e chiude il miglio in 53 secondi netti. Distanziato di ben sei lunghezze arriva Truie Blessée:  il gesto di stizza diFan Faròn sul rettilineo di arrivo racconta molto meglio di ogni analisi tutti i limiti della sua scuderia.

ORDINE D’ARRIVO
Assemblage Hétéroclite 53,0″
Truie Blessée 47,0″

.