Tags

Related Posts

Share This

Bene Cameron, male Hague e Blair

Soliti sondaggi inglesi che confermano il trend positivo per la popolarità di David Cameron. L’ultimo dato,quello di Luglio, conferma che il 74% dei conservatori apprezza il suo operato alla guida del partito. Il dato di Giugno,per la verità, era ancora migliore (79%) e questo deve far pensare gli spin-doctors dei Tories. A pesare negativamente (seppur di poco) dev’essere stato il comportamento che Cameron ha tenuto durante la crisi mediorientale, non scegliendo esplicitamente da che parte stare e finendo col preferire un “low profile” da equidistanza dalemiana. La conferma arriva dal dato dell’ex leader conservatore William Hague. Dopo le sue dichiarazioni contro Israele rilasciate al Times, il “Shadow Foreign Secretary” ha visto calare il suo appeal all’interno del partito di ben 15 punti percentuali (dal 70 al 55%). Ma un altro sondaggio fa discutere gli esperti: 200 Financial Directors sono stati intervistati dall’ “Institute of Chartered Accountants of Scotland” e il risultato è imbarazzante per il Labour Party: David Cameron viene preferito dal 40% dei votanti, Gordon Brown (scozzese) solo dal 27% mentre Tony Blair raccoglie un deludente 4.9%, alla pari di Menzies Campbell. Fonte: Conservativehome.com