Tags

Related Posts

Share This

Agonia all’ultimo Stadio

Non c’è pace per l’Udinese Calcio. Sfiorata da Calciopoli quest’estate ma uscita pulita dal maxiprocesso che ha ripulito il calcio, la società friulana si è trovata di fronte ad un problema decisamente complicato. Manca,infatti, l’accordo con il Comune per l’affitto dello Stadio. Tutto sommato questi sono problemi che spesso coinvolgono le società calcistiche e i rispettivi comuni ma questa volta la questione è andata ben oltre le normali scaramucce pre-contrattuali. Il Comune, per bocca del vice-sindaco Martines, fa sapere che non intende recedere dalle proprie intenzioni ed è ferma la volontà di intascare i crediti risalenti all’anno scorso. Questi crediti, computati su un contratto temporaneo più volte rinnovato, prevedevano il pagamento al Comune di un canone misurato in percentuale sugli incassi (biglietti+diritti tv). Fin qui,tutto normale. Più o meno: perchè la somma che l’Udinese Calcio dovrebbe sborsare è assolutamente fuori mercato e il Comune di Udine pare non voler sentir ragioni. Ormai le parti stanno giocando un vero e proprio braccio di ferro, con l’Udinese che ha di fatto sospeso la campagna abbonamenti e il Comune che non diminuisce di un euro le proprie pretese. La situazione è decisamente complicata e vi si intrecciano esigenze di bilancio, lavori di ristrutturazione e messa a norma da completare e interessi economici privati della famiglia Pozzo. Ciò che rileva in questo momento è l’assoluta inadeguatezza della giunta comunale che si è mossa con la delicatezza di un elefante in cristalleria. L’Udinese non è una società come le altre, non può essere trattata come una qualsiasi impresa che richieda l’uso dello stadio. La squadra di calcio di questa città ha partecipato a sette edizioni delle coppe europee in questi ultimi dieci anni ed è stata un volano fondamentale per la conoscenza all’estero dell’intera regione. Non si spiega diversamente,infatti, il consueto codazzo di autorità che seguivano la squadra in tutta Europa promuovendo prodotti e territorio (memorabile la polenta cucinata a Barcellona). Le soluzioni sul tavolo non sono molte: come hanno suggerito Gianfranco Leonarduzzi (Riformatori Liberali) e Diego Volpe Pasini (Sos Italia) non resta altra strada che quella di una partecipazione, contro sponsorizzazione, di enti intermedi come Provincia e Regione. Enti che hanno usufruito in passato e usufruiranno in futuro della visibilità che l’Udinese calcio da al Comune e alla Provincia, nonchè alla Regione. Speak Corner: Udineseblog, Sportal, Udineseblog con Galeone