Football is America/2

Hall of Fame Game: rinviato! Altra settimana di sofferenza, di attesa ma ora – scongiuri a parte – ci siamo. Thursday Night Football, questo il regalo che ci arriverà nella notte tra giovedì e venerdì! Diverse le partire in calendario, momenti di sport utili per provare a immaginare quella che sarà la stagione 2016. Fuori dai denti, queste partite servono solo agli head coaches – ma ditemi se è poco – per decidere la depth chart, titolari, grossomodo, in italiano. Val la pena, da subito, lanciarsi in previsioni? Azzardato, certo, ma divertente. Quindi, partiamo!

MVP: non ci sono scuse la squadra è al completo con Lacy, oltretutto, dimagrito. Per me, Aaron Rodgers. Hail Mary!

Defensive Player of the Year: lotta dura nel comparto! JJ Watt è un dominatore e dovrebbe, anche per il 2016, ripetere lo strapotere sul campo ma… c’è un ma, grosso come una casa! JJ parte dai box (ernia) e con ogni probabilità non giocherà la prima – forse anche la seconda – partita dell’anno! Quanto può influire la condizione precaria? Poco, sinceramente, visto che l’anno scorso ha giocato e dettato legge con tutte le magagne possibili! La minaccia allo strapotere arriva da dietro, dai giovanotti, Khalil Mack (Raiders) e Aaron Donald (Rams, welcome back in LA). Senza dimenticare l’MVP del SB 50 Von Miller. Su chi puntare? Il tifoso che è in me prende parola, rischia, ripete JJ.

Offensive Player of the Year: le difese fanno vincere, l’attacco vende i biglietti. Campo largo qui! Odell Beckham Jr è il globe-trotter dell’Nfl; Dez Bryant dopo una stagione in ombra deve riscattarsi; Antonio Brown beh, Antonio Brown; Cam Newton, forte ma non mi piace (e a mio avviso non tiene la pressione!); Rob Gronkowski? Possibile; Tom Brady (basta vi prego!)… e allora? E allora, cosa volete, se dovessi far parlare ancora il tifoso direi DeAndre Hopkins (ricordate che lo scorso anno ha portato i Texans alla wildcard ricevendo da 4 QB diversi e mediocri). Allora azzardo, per me torna al SB dominando, Russel Wilson.

Coach of the Year: la lotta è serrata. Andare sul sicuro con Belichick o provare con Pete Carroll? Scegliere un outsider? La sorpresa può essere Chip Kelly? Penso che, nella offseason, sia una la squadra che più delle altre ha fatto il salto: Jacksonville Jaguars. E allora scelgo Gus Bradley. Un azzardo che può pagare!

Most Enhanced Team: val la pena guardare all’AFC south e scegliere tra Jaguars e Texans? Si, assolutamente. E guardando ai texani, paragonati allo scorso anno, non c’è storia: Brock Osweiler, Lamar Miller, Braxton Miller e Will Fuller. Se tutto tiene rischiano il colpaccio (e da tifoso faccio gli scongiuri!).

Rookie of the Year: Ezekiel Elliot, rb, Dallas Cowboys! Ha già vinto il premio per il maggior numero di magliette ma si sa che Dallas è America’s Team! Potente e Veloce, il Running Back che serviva a Dallas per variare un gioco lo scorso anno a senso unico su Dez Bryant (fino all’infortunio).

Ogni Division un vincitore:
AFC East: New England Patriots
AFC North: Cincinnati Bengals
AFC South: Houston Texans
AFC West: Kansas City Chiefs

NFC East: Dallas Cowboys (dopo una stagione pessima, se Tony Romo tiene i playoff sono assicurati)
NFC North: Greenbay Packers (per me da SuperBowl ma occhio a Detroit)
NFC South: Carolina Panthers (decisamente forti, sapranno ripetersi)
NFC West: Seattle Seahawks (division molto tirata con gli Arizona)

Ora, però, bando alle ciance e lasciamo parlare il field! Football is America!